Articoli

Tutto sul nostro settore


Non-Celiac Gluten Sensitivity in patients with severe abdominal pain and bloating: The accuracy of ALCAT 5

Background and aims: Non-Celiac Gluten Sensitivity (NCGS) is a recently proposed clinical condition causing both intestinal and extra-intestinal symptoms, without gastrointestinal lesions, which improve on avoiding gluten intake, in the absence of celiac disease and wheat allergy. The prevalence of this condition is still a matter of debate, in part due to the very recent introduction of an accepted diagnostic test, a double-blind, placebo controlled gluten challenge. However, this is a lengthy and cumbersome procedure, theoretically burdened by a significant reduction of patient compliance. ALCAT 5 is an automated in vitro test evaluating the toxic effect of gluten on neutrophils by the exposure of these cells to a gluten-containing extract of gluten-containing cereals. The test is very simple to perform, the results are rapidly obtained, and might represent, if sufficiently accurate, a promising alternative to diagnose gluten intolerance. The aim of this study was the comparison of ALCAT 5 results with those of a double- blind, placebo-controlled, gluten challenge, in a group of patients with clinically-suspected NCGS. Methods: Twenty-five patients (M/F 3/22, mean age 32 ± 4 yrs) with severe functional abdominal pain and bloating, who had previously undergone the ALCAT 5 test, were enrolled. All the subjects reported their symptoms on a gluten-containing diet and considered gluten the causal agent. Following the Salerno Experts’ Criteria, they underwent a double-blind, placebo controlled trial with gluten vs placebo. A mean value during gluten ingestion >30% of the value during placebo was considered as indicative of gluten sensitivity.

Results: After blinded administration of gluten, 13 out of 25 (52%) patients showed an increase in the severity of abdominal pain, and 11 out of 25 (44%) showed an increase in the severity of abdominal bloating. Considering these two symptoms together, in 16 patients out of 25 (64%), blinded gluten administration induced an increase of abdominal pain and/or bloating. The ALCAT 5 test proved to be positive in 20 and negative in 5 patients. In sixteen patients out of 25 the result of ALCAT 5 agreed with the double-blind trial (64%). In particular, both tests were positive in 14 patients and negative in 2. Conclusions: In this subgroup of patients, ALCAT 5 could be used to support the clinical suspicion of the presence of NCGS and to address these patients to a blinded gluten challenge.

Introduction

Non-Celiac Gluten Sensitivity (NCGS) is a recently proposed clinical condition causing both intestinal and extra-intestinal symptoms which improve on avoiding gluten intake, in the absence of gastrointestinal lesions, celiac disease and wheat allergy. The prevalence of this condition is still a matter of debate. The first descriptions of NCGS were characterized by very high fre- quency reporting [2], but recently more realistic figures were described [3,4]. This discrepancy may be explained by the recent introduction of an accepted diagnostic test, a double-blind, placebo controlled gluten challenge [5], whereas the patient merely self- reporting the causative relationship between gluten ingestion and symptom occurrence was previously considered sufficient to diagnose the condition [6]. Apart from some criticisms on the interpretation of the results of the double-blind, placebo controlled food challenge, the proposed gluten challenge seems very prom- ising to describe the real prevalence of this condition. However, it is a lengthy and cumbersome procedure, theoretically burdened by a significant reduction in patient compliance during the three weeks of substrate intake.

ALCAT 5 is an in vitro test evaluating the toxic effect of gluten on neutrophils by the exposure of these cells to a gluten-containing extract of gluten-containing cereals, i.e., wheat, rye, barley, and oats. Results of the test are obtained through an automated mea- surement of neutrophil size and volume modifications following their incubation with gluten-containing cereal extracts [7]. The test is considered positive when the automated analysis reveals, in com- parison with the basal value, a change in volume and shape of neu- trophils after exposure to a test food substance. The test data are expressed as a volume distribution curve and the mean ± SD modi- fication of the area under the curve, in comparison with basal volume, is considered positive. An area change between the mean volume and 1 SD is considered positive. The test is very simple to perform, the results are rapidly obtained, and might represent, if sufficiently ac- curate, a promising alternative to diagnose gluten intolerance.

The aim of this study was the comparison of ALCAT 5 results to those of double-blind, placebo-controlled, gluten challenge, in a group of patients with suspected NCGS, in order to evaluate the performance of this test.

2. Patients and methods

Twenty-five patients (22 females, mean age 32 ± 4 yrs) with a long history of abdominal symptoms were enrolled. All the patients reported their symptoms on a gluten-containing diet, considered gluten to be the causal agent, and judged bloating and abdominal pain as the most severe. These characteristics of symptoms were confirmed by the completion of a questionnaire, based on a visual analogue scale, before entry the study. The mean duration of these two main symptoms were 10 ± 4 yrs. In all the patients, the pres- ence of organic conditions was excluded by endoscopic or radio- logic procedures, routine blood tests including thyroid function tests, coeliac disease associated serology, and abdominal ultra- sound. None of the patients suffered from wheat allergy. In this group of patients the following diagnoses were previously made: functional dyspepsia (n 1⁄4 14), irritable bowel syndrome (n 1⁄4 18), functional bloating (n 1⁄4 12), functional diarrhoea (n 1⁄4 8), functional constipation (n 1⁄4 6). In individual patients, more than one diag- nosis was frequently made. Rome IV criteria for functional bloating proved to be positive for all the patients, but for all the other conditions a positivity was present in only six patients (5 females, one male; 1 irritable bowel syndrome with constipation, 2 func- tional constipation, 1 irritable bowel syndrome with diarrhoea, 2 functional diarrhoea) [8,9].

All the patients underwent the ALCAT 5 test in the 3 months before the study on gluten-containing diet. However, the results of this test were blinded to the investigators during the next phases of the study. During the period from the ALCAT 5 test to the study entry, patients followed a gluten-containing diet.

None of the patients was following therapy known to interfere with intestinal function during the month prior to the study, such as antibiotics, prokinetics or laxatives. Constipated patients were advised to use a gentle water enema when needed and, in patients with diarrhoea, loperamide was allowed, if strictly necessary.

The protocol was approved by the local Ethical Committee and all the subjects gave their written informed consent.

2.1. NCGS diagnosis

Before the beginning of the study, and after ALCAT 5 test, all the patients had followed a period of gluten-free diet (GFD) which was even longer than the 6-week period suggested by the Salerno protocol [5], and all declared a clear improvement of symptom severity. Accordingly, we decided to avoid the repetition of this phase. However, to avoid an effect of gluten ingestion during the days immediately before the beginning of the protocol in sensitized patients, we prescribed a 2-week period of GFD, as a run in period, followed by the 3-week period of the blinded procedure suggested by the Salerno protocol [5], composed of two weeks of capsule ingestion, separated by one week of wash-out period (Fig. 1). After the run in period, the patients continued a strict GFD and were asked to fill in a daily questionnaire to rate the severity of both intestinal and extraintestinal symptoms, considered as gluten- dependent in NCGS (Table 1). Then, in a random order, following a randomization list generated by a computer, the patients were selected to follow a one week period during which gluten (10 capsule/day, 500 mg/capsule) or placebo capsules (rice starch, 10 capsule/day, 500 mg/capsule) were ingested. Rice starch was cho- sen due to its rapid absorption in comparison with other complex carbohydrates. At the end of the first week of capsule ingestion, the patients followed a 1-week wash-out period, without taking cap- sules, but continuing the completion of the daily questionnaires. Then, at the end of the wash-out period, the second period of capsule intake began (Fig. 1).

The daily questionnaire was administered to evaluate the presence and severity of abdominal and extra-intestinal symptoms, indicated in Table 1. The questionnaires used a 100 mm-long visual analogue scale (VAS) and patients were instructed to indicate the severity of each symptom on the line, considering the left end of the line as “absence of symptom” and the right end as “severe symp- tom” [10]. The score of the symptom was calculated by the sum of the score of the single days of each week. In accordance with the Salerno criteria, a mean value of the severity of abdominal pain and bloating during gluten ingestion >30% the value during placebo was considered as indicative of NCGS.

2.2. Statistics

To evaluate agreement between the gold standard test for NCGS and ALCAT 5 we used Cohen’s k. We judged the extent of the agreement according to Landis and Koch [11]. Agreement was considered: poor if k < 0.00; slight if 0.00 k 0.20; fair if 0.21
k 0.40; moderate if 0.41 k 0.60; substantial if 0.61 k 0.80; almost perfect if k > 0.80. Additionally, we calculated the sensi- tivity, specificity, and positive and negative predictive values of ALCAT 5: for these calculations we considered a subject to be positive if she/he displayed a worsening in pain or bloating at the blinded administration of gluten.

3. Results

After blinded administration of gluten, 13 out of 25 patients showed an increase in the severity of abdominal pain >30% than after placebo capsules (52%), and 11 out of 25 showed an increase in the severity of abdominal bloating >30% than after placebo cap- sules (44%).

Alcat Results

Alcat 5Considering symptom severity after gluten challenge, in the whole group of patients we found a significant correlation between the severity of abdominal pain and abdominal bloating (r 1⁄4 0.64, p < 0.0005) (Fig. 2), and between the modification of abdominal pain and the modification of bloating (r 1⁄4 0.54, p < 0.005) (Fig. 3).

Among the other symptoms we included in the questionnaire, none of the extraintestinal symptoms worsened after gluten chal- lenge (data not shown). Gluten challenge worsened the severity of

flatulence in 11 patients, the severity of nausea in 4 patients, the severity of diarrhoea in 1 patient, and the severity of borborygmus in 1 patient. The number of bowel movements and the Bristol score during gluten challenge were not significantly different than pla- cebo challenge.

ALCAT 5 test proved to be positive in 20 and negative in 5 pa- tients. The comparison between ALCAT 5 and blinded gluten challenge results showed the two tests were concordant in 12 out of 25 patients (48%) when we considered abdominal pain as the main symptom and in 13 out of 25 patients (52%) when we considered bloating as the main symptom. However, the concordance of the two tests improved if the modification of both symptoms was considered: in 16 out of 25 patients (64%) the severity of at least one of the two symptoms during gluten capsule intake was >30% than its severity during placebo capsule intake. In this case, ALCAT 5 and blinded gluten challenge results were concordant in 16 out of 25 patients (64%).

We also evaluated the agreement between the two tests. The agreement between the ALCAT 5 and positive pain symptoms after blinded gluten administration was poor (Cohen’s k 1⁄4 0.06). The agreement between the ALCAT 5 and positive bloating symptoms after blinded gluten administration was slight (Cohen’s k 1⁄4 0.03). Similarly, if we considered positive pain or bloating symptoms after blinded gluten administration, agreement between the two tests was slight (Cohen’s k 1⁄4 0.04).

The ALCAT 5 has a sensitivity of 81% but a poor specificity of 22.2%. The positive predicted value (PPV) of the ALCAT 5 was 65%, while the negative predicted value (NPV) was 40%.

Alcat 5 test

Alcat 5

4. Discussion

Whether symptoms attributed to NCGS are indeed due to gluten intake is still a matter of debate [12]. On pathophysiological grounds, this is a very important topic, as the exact definition of the main actor inducing symptom onset in this condition will allow for a specific treatment. Accordingly, it is important to clarify whether gluten or wheat [13] should be the target of our attention, but also FODMAPs [14] or amylase-trypsin inhibitors [15]. Consequently, the same uncertainty is also present on diagnostic grounds. As far as the role of gluten is concerned, a double-blind, placebo-controlled, gluten challenge was recently proposed [5]: resembling that already adopted in the diagnostic algorithm of food allergy, a blinded administration of gluten or placebo together with a strict symptom occurrence monitoring is today considered an accurate test to diagnose NCGS. We and others [3,4] have recently applied this protocol in patients self-reporting the gluten dependence of their symptoms and some drawbacks should be reported. First of all, the protocol suggests a preliminary 6-week period of GFD to evaluate if symptom improvement may be achieved, to select the subgroup of patients who need a blinded gluten challenge. Since this preliminary phase is unblinded, it is possible that a placebo or nocebo effect may have a role in the improvement of symptoms. The length of this period might be responsible for an excessive extension of the whole protocol and, therefore, it could reduce the patient’s compliance. Second, the organoleptic characteristics of gluten make true blindness very difficult: it must be not visible to the patients and, therefore, it must inevitably be hidden in capsules. Moreover, to avoid excessive capsule size, due to the physical characteristics of gluten, a maximum amount of 500 mg can be contained in one capsule and this causes the need for a high number of capsules to be ingested in a day in order to administer a dose of gluten sufficient to induce symptoms. The ingestion of 10 capsules a day for two weeks, one for the gluten test and the other for the placebo test, i.e. 140 capsules in total, might cause a reduction in patient compliance. Third, daily questionnaires for symptom occurrence monitoring administered over many days might cause a reduction of the patient’s attention, in particular during the last period of the test. Consequently, it is evident that, even if the blinded food challenge is considered the gold standard

in the diagnosis of many adverse reactions to food [16], this test is largely absent in a clinical setting [17].

Accordingly, the availability of alternative tests is advisable. ALCAT 5 is a simple, automated test that could represent a valid option in the diagnosis of NCGS. This is the first evaluation of the accuracy of ALCAT 5 in human disorders: the principle of the test is derived from the ALCAT test, adopted for food intolerance [7], and it was applied to discriminate the role of gluten in self-reported NCGS patients.

Our results show that in a group of patients suffering in particular from functional severe abdominal pain and bloating and without organic diseases, wheat allergy or celiac disease, the prevalence of NCGS is higher than previously reported [3,4], sug- gesting that, in a gastroenterological outpatient clinic, abdominal symptoms are more indicative than extra-intestinal symptoms to guide physicians towards a correct diagnostic algorithm for this condition. All the enrolled patients have previously undergone the ALCAT 5 test, and the comparison between ALCAT 5 and blinded gluten challenge showed that in 64% of cases a concordance was evident. The concordance between the two tests was less accurate when abdominal pain or bloating were considered separately. However, the strict correlation between postechallenge severity of these two symptoms permits the adoption of a combination of them, thus optimizing the performance.

The assessment of the degree of agreement between the double blinded gluten challenge and ALCAT 5 tests showed very low values of Cohen’s k. Considering the single symptoms separately or together, results indicate that the agreement between the tests was no better than would be expected by chance. However, these results are similar to those obtained from a faecal occult blood test and a colonoscopy for the screening of left-sided colon cancer [18,19]. Accordingly, the importance of our results relies on the possibility of using the ALCAT 5 test preliminary to the blinded gluten chal- lenge. Due to the complexity of clinical manifestations of NCGS, frequently characterized by many concomitant symptoms, both intestinal and extraintestinal [2], as often reported by the patients, it may be difficult in many of them to correctly focus on the de- scriptions and the importance of any single symptom during the interpretation of the whole clinical presentation. Therefore, ALCAT 5 might be used to preliminarily screen patients with severe abdominal pain and bloating in order to select, in this subgroup of References patients, which of them should undergo the blinded gluten challenge, at least on the basis of these two main symptoms.

A limit of the study was the absence of a healthy control group, to test for in vitro modification of neutrophils after oral gluten challenge. In a subsequent study, it should be important to test for this modification and to evaluate also the reproducibility of the procedure.

In conclusion, we have compared ALCAT 5 and double-blind, placebo-controlled, gluten challenge results in a group of self- reported NCGS with severe abdominal pain and bloating, to eval- uate if a simplification of diagnostic procedures is possible in these patients. In this subgroup of patients, ALCAT 5 could be used to support the clinical suspicion of the presence of NCGS and to direct these patients to a blinded gluten challenge.

Conflict of interest
The authors have no conflict of interest to declare.

Funding sources

This research did not receive any specific grant from funding agencies in the public, commercial, or not-for-profit sectors.

Guarantor of the article

Michele Di Stefano.

Specific author contributions

Michele Di Stefano planned and conducted the study, inter- preted data, drafted the manuscript.

Eugenia Vittoria Pesatori, Giulia Francesca Manfredi, Giacomo Grandi, Alessandro Gabriele, Davide Iozzi conducted the study, collected and interpreted data, drafted the manuscript.

Mara De Amici conducted the study, collected data and drafted the manuscript.

Giuseppe Di Fede planned the study and drafted the manuscript.

All the mentioned Authors approved the final version of the manuscript.

Acknowledgements

None.

[1] Lundin KE, Alaedini A. Non-celiac gluten sensitivity. Gastrointest Endosc Clin North Am 2012;22:723e34.

[2] Sapone A, Bai JC, Ciacci C, Dolinsek J, Green PH, Hadjivassiliou M, et al. Spectrum of gluten-related disorders: consensus on new nomenclature and classification. BMC Med 2012;7. https://doi.org/10.1186/1741-7015-10-13. 10:13.

[3] Di Sabatino A, Volta U, Salvatore C, Biancheri P, Caio G, De Giorgio R, et al. Small amounts of gluten in subjects with suspected nonceliac gluten sensi- tivity: a randomized, double-blind, placebo-controlled, cross-over trial. Clin Gastroenterol Hepatol 2015;13:1604e12.

[4] Elli L, Tomba C, Branchi F, Roncoroni L, Lombardo V, Bardella MT, et al. Evi- dence for the presence of non-celiac gluten sensitivity in patients with functional gastrointestinal symptoms: results from a multicenter randomized double-blind placebo-controlled gluten challenge. Nutrients 2016;8:84. https://doi.org/10.3390/nu8020084.

[5] Catassi C, Elli L, Bonaz B, Bouma G, Carroccio A, Castillejo G, et al. Diagnosis of non-celiac gluten sensitivity (NCGS): the Salerno Experts’ criteria. Nutrients 2015;7:4966e77. https://doi.org/10.3390/nu7064966.

[6] DigiacomoDV,TennysonCA,GreenPH,DemmerRT.Prevalenceofgluten-free diet adherence among individuals without celiac disease in the USA: results from the Continuous National Health and Nutrition Examination Survey 2009- 2010. Scand J Gastroenterol 2013;48:921e5.

[7] Pietschmann N. Food intolerance: immune activation through diet-associated stimuli in chronic disease. Alternative Ther Health Med 2015;21:42e52.
[8] Stanghellini V, Chan FK, Hasler WL, Malagelada JR, Suzuki H, Tack J, et al.

Gastroduodenal disorders. Gastroenterology 2016;150:1380e92. https://

doi.org/10.1053/j.gastro.2016.02.011.
[9] Lacy BE, Mearin F, Chang L, Chey WD, Lembo AJ, Simren M, et al. Bowel dis-

orders. Gastroenterology 2016;150:1393e407.
[10] Huskinsson EC. Measurement of pain. Lancet 1974;2:1127e31.
[11] Landis JR, Koch GG. The measurement of observer agreement for categorical

data. Biometrics 1977;33:159e74.
[12] Verbeke K. Nonceliac gluten sensitivity: what is the culprit? Gastroenterology

2018;154:471e3. https://doi.org/10.1053/j.gastro.2018.01.013.
[13] Carroccio A, Mansueto P, Iacono G, Soresi M, D’Alcamo A, Cavataio F, et al. Non-celiac wheat sensitivity diagnosed by double-blind placebo-controlled challenge: exploring a new clinical entity. Am J Gastroenterol 2012;107:

1898e906. https://doi.org/10.1038/ajg.2012.236.
[14] Biesiekierski JR, Peters SL, Newnham ED, Rosella O, Muir JG, Gibson PR. No

effects of gluten in patients with self-reported non-celiac gluten sensitivity after dietary reduction of fermentable, poorly absorbed, short-chain carbo- hydrates. Gastroenterology 2013;145:320e8. https://doi.org/10.1053/j.gas- tro.2013.04.051. e1-3.

[15] Zevallos VF, Raker V, Tenzer S, Jimenez-Calvente C, Ashfaq-Khan M, Rüssel N, et al. Nutritional wheat amylase-trypsin inhibitors promote intestinal inflammation via activation of myeloid cells. Gastroenterology 2017;152: 1100e13. https://doi.org/10.1053/j.gastro.2016.12.006. e12.

[16] Sampson HA. Immunological mediated food allergy: the importance of chal- lenge procedures. Ann Allergy 1988;60:262e9.

[17] Asero R, Fernandez-Rivas M, Knulst AC, Bruijnzeel-Komen CAFM. Double- blind, placebo-controlled food challenge in adults in everyday clinical prac- tice: a reappraisal of their limitations and real indications. Curr Opin Allergy Clin Immunol 2009;9:379e85.

[18] RozenP,RoneE,FiremanZ,HallakA,GrossmanA,BaratzM,etal.Therelative value of fecal occult blood tests and flexible sigmoidoscopy in screening for large bowel neoplasia. Cancer 1987;60:2553e8.

[19] Robertson DJ, Lee JK, Boland CR, Dominitz JA, Giardiello FM, Johnson DA, et al. Recommendations on fecal immunochemical testing to screen for colorectal neoplasia: a consensus statement by the US multi-society task force on colorectal cancer. Gastroenterology 2017;152:1217e37.

 



July 2, 2018 Eventi

Universo intestino

Dalla patologia alla prevenzione attraverso lo studio della permeabilità intestinale e del microbiota – II edizione” sabato 22 settembre 2018 a Milano.

Alcuni argomenti correlati sono: intestino, disbiosi, microbiota, infiammazione, bessere, intestinale

Con questo link è possibile scaricare i documenti di iscrizione. Si prega di registrarsi compilando il modulo e inviandolo a noi.

Oppure salva il modulo di registrazione in basso e inviacelo tramite e-mail: segreteria@imgep.com

Universo intestino

Universo intestino

 



May 31, 2018 Articolo

ZONULINA, PERMEABILITA’ INTESTINALE E INFIAMMAZIONE CRONICA

Studi recenti evidenziano come oltre alla digestione e all’assorbimento delle sostanze nutritive e degli elettroliti, un’altra funzione chiave dell’intestino è la sua capacità di funzionare come una barriera, in grado di regolare il traffico di macromolecole tra il lume intestinale e la circolazione sanguigna.

La parete intestinale è costituita da cellule fondamentali per l’assorbimento, gli enterociti, strettamente connessi da legami che formano una vera barriera protettiva, in grado di impedire a microrganismi, tossine e ai microscopici pezzettini di alimento non digeriti di entrare nel circolo sanguigno. Quando la barriera si deteriora a causa di stress fisici prolungati, cattiva alimentazione, utilizzo di farmaci e altri fattori ambientali, le sue funzioni risultano fortemente alterate, comportando un’iper-reattività del sistema immunitario e innesco del processo infiammatorio.

ZONULINALa zonulina è una proteina che agisce sulle giunzioni degli enterociti, regolando la permeabilità intestinale. Alti livelli di tale proteina si correlano con un deterioramento della mucosa intestinale che non svolge in maniera adeguata la sua funzione protettiva: questa condizione è stata associata ad una serie di condizioni croniche tra cui l’autoimmunità, malattie metaboliche, malattie neurodegenerative e persino il cancro. Poiché zonulina è un regolatore chiave della permeabilità intestinale, è possibile che questa proteina fornisca un legame comune fra tutte queste condizioni. In un articolo pubblicato sugli Annals of New York Academy of Sciences, il prof. Fasano e i colleghi dell’Università di Baltimora, nel Maryland, forniscono le prove di un collegamento diretto tra permeabilità intestinale zonulina-dipendente e sviluppo di una malattia infiammatoria.

I sintomi generati da un’alterata permeabilità intestinale sono quanto mai vari (mal di testa, difficoltà alla concentrazione, dolori articolari, dolori addominali, mancanza di energia, allergie e intolleranze alimentari): è quindi necessaria una attenta valutazione clinica unitamente ad una serie di esami mirati.

Come misurare la permeabilità intestinale?

Tra gli esami utili ad evidenziare uno stato di alterata funzionalità intestinale vi sono:

  • Zonulina fecale: mediante gli studi è stata concepita una serie di analisi da effettuare su feci che sono in grado di individuare patologie intestinali ed avere un quadro complessivo dello stato del tubo digerente.
  • Test sulle intolleranze alimentari: lo stile di vita e gli interventi dietetici sono diventati un’opzione di trattamento sempre più importante e numerosi studi clinici hanno evidenziato come in seguito a una terapia nutrizionale basata sui principi della moderazione e dell’esclusione razionale degli alimenti intolleranti, riscontrati con Test Alcat, si rilevi un notevole miglioramento del quadro clinico-sintomatologico e della qualità di vita nei pazienti con alterata permeabilità intestinale.

Parole correlate: mal di testa, difficoltà alla concentrazione, dolori articolari, dolori addominali, mancanza di energia, allergie e intolleranze alimentari batteri, disbiosi, permeabilità intestinale.



May 12, 2018 Articolo

Le cause della infertilita’ maschile sono racchiuse in quattro gruppi principali.

Cause pre-testicolari , testicolari, post- testicolari e cause ambientali. Fermo restando l’importanza della  condizione patologica intrinseca  sulle possibilita’ di concepimento, studi recenti hanno ripetutamente confermato come il progressivo peggioramento della qualita’ del liquido seminale in alcune nazioni industrializzate sia da attribuire agli stili di vita e ai fattori ambientali.

L’aumento delle patologie testicolari connesse a  ipoproduzione di spermatozoi  e’ contemporaneo al notevole cambiamento dello stile di vita delle societa’ occidentali, della dieta,del tipo e dalla qualita’ di attivita’ fisica, dell’esposizione  a contaminanti ambientali (Studio Ecofoodfertility). Sembra che questi fattori  attraverso una azione diretta sulle cellule del Sertoli ( cellule che inducono La maturazione degli spermatozoi) e delle cellule del Leyding (cellule che producono il testosterone), condurrebbero ad alterazione della differenziazione dalle cellule germinali che producono gli spermatozoi.

infertilità-maschile-causeTutti questi fattori determinano, principalmente e  in maniera diretta, la produzione di radicali liberi ROS,attraverso il  fenomeno definito  stress ossidativo. Le membrane cellulari degli spermatozoi sono ricche di acidi grassi polinsaturi e sono suscettibili alla perossidazione mediata dai ROS. Spermatozoi anomali e leucociti sono fonti interne di ROS. Si ritiene che le specie reattive dell’ossigeno (ROS) siano la causa principale del danno alle cellule germinali maschili, attraverso due meccanismi : il primo riguarda il danneggiamento della membrana spermatica con riduzione significativa della motilita’, mentre, gli stessi ROS sono in grado di alterare l’integrita’ del DNA degli spermatozoi stessi.

Questo ultimo aspetto e’ ritenuto fondamentale  nella determinazione della normale fecondazione  e dello sviluppo dell’embrione in ogni tipo di concepimento. E’ infatti , assodato, come molti maschi con parametri seminali completamente nella norma e con ridotte possibilta’ di concepimento, abbiano un elevato grado di danno all’integrita’ del DNA spermatico. E’, inoltre descritta una correlazione negativa tra il danno al DNA spermatico e il tasso di sviluppo degli embrioni.Alla luce di tutto cio’,risulta troppo semplicistico, ricondurre la fertilita’ maschile alla sola conta o alla mera valutazione degli spermatozoi,mentre  e’ necessario, che nella valutazione finale ,sia inclusa la probabilita’ o la capacita’ di concepire indipendentemente dalla sola analisi dello spermiogramma.

Infatti, molte volte –l’apparenza inganna-  e va sottolineato che di fronte ad una infertilita’ di coppia, l’esecuzione di un semplice spermiogramma in grado di indicare solo l’aspetto esteriore dei  gameti, spesso non basta per inquadrare  in modo corretto la causa andrologica di una infertilita’ di coppia. Per questo un moderno laboratorio di andrologia dovrebbe essere attrezzato per valutare l’intima struttura e la salute dello spermatozoo specie quando spesso l’osservazione microscopica dei gameti crea una illusione di una situazione seminale accettabile.

Lo scopo dello studio e’ quello di confrontare la gia’ presente correlazione tra  gli stili di vita e la fertilita’ con l’introduzione di nuovi parametri da affiancare a quelli gia’ contemplati dall’esame dello spermiogramma.  Il primo di questi prende il nome di  Halosperm o Frammentazione del DNA dello spermatozoo , unitamente  alla valutazione dello stress ossidativo  sul liquido seminale con l’esecuzione del test LP-sperm che misura la quota dei radicali liberi nel liquido seminale stesso.

Ogni paziente prima della raccolta del liquido seminale sara’ sottoposto ad  una attenta valutazione  anamnestica, dove vengono riportate oltre alle indicazioni diagnostiche ed ezio- patologiche di rilievo , una dettagliata raccolta  di dati relativi alle  abitudini alimentari e sociali del soggetto.

DOTT. DINO CEPPODOMO

dino.ceppodomo@gmail.com

mobile  3356717587



April 24, 2018 Articolo

L’ ISTAMINA, COS’E’? L’istamina è una sostanza coinvolta soprattutto nelle risposte allergiche ed immunitarie (viene infatti contrastata da specifici farmaci chiamati antistaminici). Esistono due tipologie di istamina: quella prodotta dal nostro corpo e quella che noi introduciamo con la dieta in seguito all’assunzione di cibi di origine vegetale e animale, in particolare cibi fermentati o che sono sottoposti ad una lunga conservazione.

L’intolleranza all’istamina è una conseguenza di un mancato equilibrio tra l’istamina accumulata e la capacità, del nostro organismo, di degradarla. Spesso e volentieri viene etichettata come una reazione pseudo allergica. Questo fenomeno colpisce solamente l’1% della popolazione e, all’interno di questa minoranza, l’80% risultano avere una età compresa tra i 40 e 60anni.

QUALI SONO I SINTOMI? La sintomatologia è poco specifica e di difficile individuazione, ma i disturbi più comuni sono a carico del tratto gastro-intestinale, del sistema respiratorio, della pelle, del sistema cardiovascolare e del sistema nervoso. Per andare più nel dettaglio e nello specifico, i sintomi possono essere: diarrea, meteorismo, prurito, orticaria, dismenorrea, nausea, vomito, vertigini, mal di testa, bronco costrizione, dispnea, congestione nasale, starnuti,  asma, orticaria, ipotensione, diminuzione memoria e apprendimento, alterazioni ritmo sonno-veglia, alterazione temperatura corporea.

I SINTOMI DA COSA POSSONO ESSERE DOVUTI? I sintomi possono nascere in seguito all’introduzione di cibi ricchi di istamina o capaci di liberare di istamina (stimolano la liberazione da parte del nostro organismo), ad una riduzione dell’attività dell’enzima in grado di eliminare l’istamina oppure ad una alterazione della flora batterica intestinale, ovvero l’insieme dei microrganismi che popolano il nostro intestino. L’azione dell’enzima deputato alla eliminazione dell’istamina può venire meno in seguito ad una carenza congenita, ovvero presente fin dalla nascita, in seguito a stati infiammatori a carico del sistema gastro-intestinale oppure come conseguenza dell’assunzione di alcol e farmaci (antibiotici, antinfiammatori, antidepressivi ecc.).

QUALI SONO I CIBI CHE CONTENGONO ISTAMINA? L’istamina è possibile trovarla all’interno di VERDURE (spinaci, pomodori (compreso ketchup e succo di pomodoro), crauti, melanzane, patata (e fecola di patata), peperoni), LEGUMI (fave, fagioli, lenticchie, ceci, piselli, salsa di soia e cibi a base di soia), PESCE (crostacei, molluschi, aringhe conservate, acciughe conservate, sardine conservate , tonno conservato, salse a base di pesce, pesce fresco (tonno, salmone, sgombro, alici, sardine), FRUTTA (banana, ananas, fragole, papaia, kiwi, lampone, pera, avocado, pompelmo), FRUTTA SECCA (noci, mandorle, arachidi, frutta disidratata), ALTRO: formaggi stagionati, bevande alcoliche/fermentate (birra, vino), prosciutto/salame/insaccati, fegato di maiale, cibi in scatola, albume, cioccolato/cacao, caffè, derivati della Cola.

COSA MANGIARE IN CASO DI INTOLLERANZA? La dieta in caso di intolleranza all’istamina consiste sostanzialmente nel consumo di cibi freschi e di stagione, tra cui VERDURE (broccoli, insalata, cavolfiore, carote, aglio, zucchine, asparagi, zucca, bieta ecc.), FRUTTA (limoni, mirtilli, pesche, prugne, mele ecc.); si possono consumare PASTA, RISO, CEREALI, LATTE FRESCO, YOGURT e FORMAGGI freschi, UOVA, CARNE E PESCE freschi (fatta eccezione a quelli sopracitati).                                                                                         

Dr.Gianmaria Borsotti

Dr.ssa Cecilia Nebiolo



April 24, 2018 Articolo

Il virus della mononucleosi (Epstein-Barr – EBV), anche detta malattia del bacio perché si trasmette con la saliva, potrebbe essere collegato al rischio di sette malattie autoimmuni, tra le quali il diabete giovanile, l’artrite reumatoide e la celiachia. Lo indica la ricerca pubblicata sulla rivista Nature Genetics e condotta da John Harley, dell’ospedale pediatrico di Cincinnati.    Per alcuni essere contagiati dal virus della mononucleosi potrebbe essere collegato all’aumento del rischio di ammalarsi di lupus eritromatoso, colon irritabile, artrite idiopatica giovanile e sclerosi multipla.

La mononucleosi è una malattia molto diffusa, tanto che si calcola che il virus colpisca il 90% degli individui entro i 20 anni di età, e caratterizzata da una forte stanchezza che può perdurare per settimane dall’infezione.

Harley già in passato l’ha collegata al lupus eritromatoso dopo avere osservato che quasi tutti i pazienti con il lupus avevano avuto l’infezione.    

Nella ricerca appena pubblicata l’esperto ha mostra che una molecola prodotta dal virus della mononucleosi, chiamata ‘EBNA2’,aggredisce le cellule proprio in corrispondenza dei geni che in numerosi altri studi sono stati collegati alle malattie autoimmuni.

Non si esclude che, per coloro che sono più a rischio di contrarre malattie autoimmuni, il virus della mononucleosi faccia scattare il grilletto favorendo la comparsa della malattia. In futuro, qualora si rendesse disponibile, un vaccino per la mononucleosi potrebbe divenire un utile ausilio preventivo per soggetti a rischio di malattie autoimmuni.

fonte: Nature Genetics…..

L’infezione da mononucleosi si è visto che è correlata alle patologie di tipo autoimmuni ma anche ai problemi intestinali come la sindrome del colon irritabile.

Tra le terapie che si stanno studiando e applicando, l’ozono terapia sembra dare più risultati nel disattivare il virus, sostenendo un’attività immunostimolante antivirale.

Prof Giuseppe Di Fede



April 24, 2018 Articolo

La trasmissione di malattie metaboliche da madre a figlio è multifattoriale e include influenze genetiche, epigenetiche e ambientali. Lo studio

L’evidenza nei roditori, negli esseri umani e nei primati non umani supporta la premessa scientifica che l’esposizione all’obesità materna o alla dieta ad alta percentuale di grassi durante la gravidanza crea una firma metabolica duratura sul sistema immunitario infantile innato e il microbiota giovanile che predisporrebbe la prole all’obesità e Malattie metaboliche. 

Nei neonati, i microbi gastrointestinali introdotti attraverso quelli della madre durante il periodo gestazionale, sono noti per la loro capacità di servire come induttori / regolatori diretti del sistema immunitario infantile. 

I neonati hanno una capacità limitata per iniziare una risposta immunitaria. Così, la rottura della colonizzazione microbica durante il periodo neonatale precoce provoca reazioni immunitarie post-naturali interrotte che evidenziano il periodo neonatale come una finestra critica di sviluppo. 

Sebbene i meccanismi siano poco compresi, aumentano le prove che suggeriscono come l’obesità materna o la dieta povera influenzino lo sviluppo e la modulazione del fegato infantile e di altri organi finali attraverso la comunicazione diretta attraverso il sistema portale, https://it.wikipedia.org/wiki/Sistema_portale la produzione di metaboliti, alterazioni dell’integrità della barriera intestinale e l’ematopoietico detto: “Asse cellulare immunitario”. 

Questa revisione si concentrerà su come l’obesità materna e la dieta influenzino la composizione del microbiota dell’intestino infantile e come uno squilibrio o maladattamento nel microbiota, Compresi i cambiamenti nei primi microbi pionieristici, potrebbero contribuire alla programmazione del metabolismo della discendenza, con particolare attenzione ai meccanismi che promuovono l’infiammazione cronica nel fegato.  https://www.imbio.it/il-benessere-viene-dallintestino/ 

La comprensione di questi percorsi e meccanismi spiegherà la nostra comprensione della programmazione dello sviluppo e può espandere la via delle opportunità per nuove terapie.

ABSTRACT

Studio originale: http://joe.endocrinology-journals.org/content/early/2017/07/27/JOE-17-0303 

Esistono già numerosi Test creati a questo proposito, E’ nato anche  un pacchetto di Analisi denominato: FERTILITYBIOME I TEST PER LEI&LUI “PER PREPARARSI AL CONCEPIMENTO”

GUARDA IL VIDEO https://quik.gopro.com/v/CivU3NseLe/

ANALISI MOLECOLARI PER UNA MEDICINA PERSONALIZZATA

Dal sodalizio fra IMBIOLab® e DyD Procreazione Naturalmente Assistita® sono nati i Test per la FERTILITA’ di Lei&Lui – Prevenzione, Cura e Sostegno a 360°

I Test Vengono effettuati test salivari, su feci ed urine allo scopo di individuare eventuali patologie intestinali in atto, oltre che per avere un quadro complessivo dello stato di salute generale. 

I pacchetti di esame prendono in considerazione diversi indici infiammatori:

• Cortisolo, testosterone, zonulina, calprotectina, candida (per lui)

• Cortisolo, Dhea, zonulina, calprotettina, candida (per lei)

• Benessere intestinale (per entrambi)

• Cortisolo, testosterone, Alcat 25 (per lui)

• Cortisolo, Dhea, Alcat 25 (per lei)

• Resistenza insulina, celiachia (per entrambi)

• 4 Cortisoli, Dhea, Progesterone, Estradiolo, Testosterone, Estramet, Alcat 25 (per lei) 

 

BIBLIOGRAFIA

1. Alterazione subclinica del microbiome cervico-vaginale nelle donne con infertilità idiopatica, Università di Trieste e IRCCS Burlo Garofolo, Trieste, STUDIO ORIGINALE

2. Alterazioni del microbioma possono causare prostatite e problematiche dell’apparato riproduttivo maschile, University of Missouri, STUDIO ORIGINALE

3. Toscano V., Sindrome dell’ovaio policistico, Manuale di Terapia delle Malattie Endocrine e Metaboliche, 2000, Andreani, Tamburano

4. Travaglini P., Malattie del Sistema Endocrino e del Metabolismo, 1997, Faglia G.

5. Gut Microbiome in Patients With Polycystic Ovary Syndrome, https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02078505

6. A Cause of PCOS? Research Says Gut Bacteria Could be a CauseAnother Hidden Cause of PCOS Identified?, http://www. ovarian-cysts-pcos.com/pcos-causes-gut-dysbiosis.html

7. The Gut Microbiome Is Altered in a Letrozole-Induced. Polycystic ovary syndrome (PCOS), http://www.ncbi.nlm.nih. gov/pubmed/26731268 7

8. Potential Influence of the Microbiome on Infertility And Assisted Reproductive Technology, http://www.ncbi.nlm.nih.gov/ pmc/articles/PMC4137456/

9. Il ruolo e l’influenza della flora intestinale nella patogenesi e gestione della sindrome metabolica e Obesità, http://www. ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3984999/

10. PCOS nel 2015: Nuove conoscenze sulla genetica della sindrome dell’ovaio policistico, http://www.nature.com/nrendo/ journal/v12/n2/full/nrendo.2015.230.html

11. PCOS e Il microbiota, http://familygutproject.blogspot. it/2012/06/gut-microbiota-and-pcos.html

12. I primi risultati provenienti dallo studio del microbioma umano, http://users.unimi.it/dmora/materiali/ANU2012/LezioneGuglielmetti2014.pdf 

Per info e ricevere il materiale informativo su tutti i test disponibili contattare: Tel.+3902.36.748.614 Mobile +39339.348.54.11 email:dydmarketingcomunicazione@gmail.com



April 6, 2018 Articolo

L’ozonoterapia

ozonoterapiaÈ un trattamento curativo che utilizza ozono medicale, una miscela di ossigeno e ozono, per curare diversi tipi di patologie. Solitamente la miscela utilizzata è composta dal 99.99997% di ossigeno e dallo 0,00003% di ozono.

L’ozono è una molecola formata da tre atomi di ossigeno altamente reattivo ed instabile tanto che è tecnicamente impossibile da immagazzinare. Viene prodotto in situ solo per il trattamento da effettuare tramite apposite apparecchiature.

Gli effetti biologici dell’ozono sono molteplici. Tra i meccanismi più importanti troviamo:

  • L’ossigenazione dei tessuti con conseguente riattivazione del microcircolo e dell’ossigenazione periferica.
  • La riattivazione dei sistemi difensivi enzimatici antiossidanti dell’organismo, cioè le difese dalle aggressioni tossiche e dai processi ossidativi dell’invecchiamento. Questo spiega la sua efficacia in tutte quelle patologie croniche in cui è coinvolto lo stress ossidativo.
  • È un potentissimo agente disinfettante con attività antibatterica, antivirale, antifungina e antiparassitario. L’azione di tipo antibatterico e virus-statico ad opera di perossidi che attivano processi di distruzione della capsula batterica e di competizione recettoriale, impedendo la conseguente replicazione virale
  • Antinfiammatorio e analgesico: l’azione antinfiammatoria è dovuta al fatto che l’ozono terapeutico favorisce l’eliminazione delle sostanze mediatrici del dolore e dell’infiammazione, come l’istamina, la serotonina e le prostaglandine.
  • Immunostimolante e immunomodulante tramite l’aumento a livello immunitario di interferone e di numerose citochine stimolanti ed immunomodulanti.
  • Effetti sui globuli rossi e sul microcircolo tramite l’aumento transitorio dell’azione sugli acidi grassi insaturi della membrana dei globuli rossi ed aumento della produzione del 2,3 DPG, che porta alla cessione dell’ossigeno ai tessuti.L’ozono ha poi la caratteristica di agire sulle vie fondamentali del metabolismo:
  • Metabolismo glucidico: Accelera la glicolisi e di conseguenza l’utilizzo del glucosio da parte delle cellule.
  • Metabolismo protidico: l’elevata affinità dell’ozono verso i gruppi sulfidrilici e gli amminoacidi, aiuta a migliorare le difese contro la degradazione.
  • Metabolismo lipidico: reagisce direttamente a livello lipidico con gli acidi grassi insaturi portando alla formazione di perossidi e conseguente scissione idrolitica delle catene lipidiche, rendendole così idrofile con conseguente maggior produzione di energia.

Cosa cura?

  1. Patologie da deficit di ossigenazione, come problemi di circolazione arteriosa (es. arteriosclerosi, ischemie cardiache, cerebrali) o venosa (es. ulcere flebo statiche).
  2. Disturbi della circolazione arteriosa, venosa e linfatica: vasculopatie periferiche di origine venosa e arteriosa, postumi di flebite, insufficienza venosa periferica, microangiopatia diabetica, ulcere periferiche su base vascolare e dismetabolica, linfoedema, Sindrome di Raynaud , etc
  1. Chirurgia: indicata nel pre/post-operatorio
  2. Lesioni trofiche della pelle: piaghe da decubito, gangrene diabetiche.
  3. Malattie dermatologiche: eczemi acuti e cronici, dermatiti da contatto, acne, psoriasi, micosi
  4. Malattie autoimmuni: tiroidite di Hashimoto, lupus eritematoso sistemico, eritema nodoso.
  5. Patologie intestinali: gastriti, duodeniti, colon irritabile, rettocolite ulcerosa, morbo di Crohn, disbiosi.
  6. Oculistica: retinopatia su base vascolare e dismetabolica, maculopatia diabetica, ischemica, retinicadegenerativa senile.
  7. Malattie dell’apparato genito urinario: cistiti ricorrenti, vaginiti, uretriti
  8. patologie allergiche
  9. Disordini metabolici: ipercolesterolemia e iperglicemia con le loro complicanze
  10. stati di deficienza immunitaria e patologie autoimmuni
  11. astenie su base funzionale e organica o sindrome della fatica cronica
  12. Malattie infettive:, epatiti, Herpes simplex o zoster, candida intestinale o altri distretti corporei
  13. Oncologia: Come terapia di supporto o adiuvante alla chemio e radio terapia
  14. Malattie dell’apparato respiratorio : Broncopneumopatie croniche ostruttive, asma bronchiale e rinitied oculoriniti allergiche
  15. Malattie neurodegenerative : Alzheimer, Parkinson, Sclerosi laterale amiotrofica, Sclerosi multipla
  16. Malattie osteo-articolari: Ernia discale, discopatie sia cervicali che lombari (cervicobrachialgie,lombosciatalgie), gonalgia, tendiniti, artrosi e artriti, epicondilite , rizoartrosi, sindrome del tunnel carpale,fibromialgia

Come si somministra?

L’ozono medicale può essere utilizzato sia per via locale che sistemica.
La somministrazione Locale è effettuata direttamente sulla sede del problema:

  • È possibile effettuare infiltrazioni intradermiche, sottocutanee, intramuscolari, intra- e peri- articolari, intradiscali.
  • Nelle ulcere cutanee o piede diabetico può essere utilizzato un sacchetto di materiale plastico che isoli la zona da trattare, in cui viene fatto fluire l’ozono.
  • Tramite sondino possono essere praticate insufflazioni vaginali di ossigeno-ozono, insufflazioni sinusali, auricolari, vescicali, prostatiche.
  • Un ulteriore utilizzo per via locale si possono applicare sulle lesioni cutanee l’olio di oliva o di girasole saturo di ozono. Anche l’acqua può essere ozonizzata, ed essere bevuta o applicata localmente.
  • La somministrazione può esser eseguita per via sistemica attraverso.
  • Insufflazioni rettali: l’ozono viene introdotto per via rettale mediante un piccolo sondino.
  • Autoemoinfusione maggiore (GAET): consiste nel prelievo di un certo quantitativo (circa 150 ml) di sangue del paziente e nella sua immediata reinfusione in vena dopo essere stato trattatocon ossigeno e ozono.
  • Autoemoinfusione minore (PAET) è quella di prelevare 5-10 ml di sangue, ozonizzarlo e quindiiniettarlo intramuscolo.

Quante sedute?

In genere si pratica un ciclo di 10 sedute, secondo il tipo di metodica utilizzata. Possono essere eseguiti a giorni alterni o una seduta a settimana. Inoltre a seconda della gravità del caso, si possono prospettare delle sedute di richiamo, o ulteriori cicli nell’arco dell’anno, per garantire la stabilità dei benefici. È una terapia che non induce i fenomeni di adattamento o di assuefazione e per di più l’effetto terapeutico si somma nel tempo.

Assumo già altri farmaci, posso associare l’ozonoterapia?

L’ozonoterapia è compatibile con qualunque altra terapia, per cui il paziente può iniziare subito i trattamenti, senza pericolo di interazione con altri farmaci. Con il progredire dei miglioramenti sarà poi eventualmente possibile ridurre i farmaci assunti o eliminarli del tutto se non più necessari.

Tempo necessario per l’inizio dei benefici?

In molti casi il beneficio è percepibile sin dalla prima seduta. In genere i miglioramenti sono progressivi, seppur con alti e bassi: è necessario quindi un certo numero di sedute perché si stabilizzino. Può capitare che i miglioramenti siano così veloci che il paziente a volte è tentato di “mollare” la terapia prima del tempo; questo è tuttavia un errore, perché l’eliminazione del dolore o del blocco è solo una parte della terapia, e se vogliamo nemmeno la più importante: infatti occorre ancora lavorare sulla malattia cronica di base, anche se si sta bene, per consolidare nel tempo i benefici e impedire le recidive. Sin dalle prime applicazioni il paziente avverte un senso generale di benessere e di vitalità.

È dolorosa?

Molte modalità di applicazione dell’Ozonoterapia sono assolutamente indolori: si pensi alla insufflazione rettale, all’autoemoterapia, alle applicazioni locali tramite sacchetto, acqua o olio ozonizzati. Per la modalità iniettiva, tutto dipende dalla dose: iniziando con basse concentrazioni e piccoli volumi il fastidio è minimo (lieve bruciore e modesto arrossamento). Con le prime applicazioni può permanere subito dopo l’iniezione un senso di pesantezza o indolenzimento della parte che scompare a fine giornata. La concentrazione di ozono viene adattata caso per caso, secondo la sensibilità e la risposta del paziente.

Reazioni avversi e controindicazioni?

Non esiste un’allergia all’ozono, in quanto non esiste l’allergia all’ossigeno. L’ozono è irritante solo se inalato (l’unica via esclusa dalla Ozonoterapia). I pazienti affetti da favismo non devono essere trattati con autoemoinfusione. I pazienti affetti da ipertiroidismo non controllato devono prima attendere la remissione del quadro clinico. Per precauzione, tale terapia non viene praticata in gravidanza. Al di fuori di questi pochi casi, non vi sono controindicazioni di sorta: Qualunque età e condizione patologica è compatibile con l’Ozonoterapia. Può essere applicata anche ai bambini come insufflazione rettale per stimolare il sistema immunitario.


Copyright by IMBIO 2017. All rights reserved.